Michele Colafato

Michele Colafato

Nato nel 1948 a Portocannone, in ambiente bilingue, arbëréshe e italiano. La nonna paterna, parlava solo arbëríshte; con i lëtígnte (latini) e con gli zingari comunicava in un dialetto apulo-campano. Grazie al nonno materno, un piccolo agricoltore, che conosceva alcune storie dei cicli cavallereschi trasmessegli a memoria da un capraio, ha appreso il gusto della narrazione. Lo zio materno, professore di lettere classiche, ne ha forse involontariamente sostenuto l’inclinazione verso l’italiano, il latino e il greco. Un prete salesiano gli ha insegnato egregiamente il francese, che ha usato durante il suo pellegrinaggio in Terra Santa, a bordo della nave Messapia per parlare con una ragazza ebrea che fuggiva dall’URSS, e poi a Nazareth con un coetaneo palestinese.
Alla fine degli anni Sessanta e prima metà dei Settanta ha percorso in lungo e in largo l’Italia per assemblee, manifestazioni, e comizi nel nome di Lotta Continua. Successivamente ha viaggiato per molte terre incrociando famiglie e amicizie nomadi. Nella prima metà degli anni Ottanta ha vissuto a San Francisco e al ritorno in Italia ha scritto le sue prime poesie da adulto in lingua inglese e italiana. Tra la fine degli anni Ottanta e l’inizio degli anni Novanta è stato più volte in Albania e in Bosnia Erzegovina, ma anche in Oriente. Si è ricostruito una casa nella campagna umbra.
Delle sue peregrinazioni e vicissitudini sì è letta qualche riga su pagine diverse. Ha scritto un libro di interviste a operai della Fiat di Termoli; un libro di saggi su Ivo Andric, Ismail Kadarè, Flannery O’Connor; una biografia a più voci della città di Mostar. Ha anche pubblicato racconti e impressioni su «Linea d’Ombra» e «Nuovi Argomenti»; ricerche e articoli di scienze sociali su riviste accademiche. Insegna Sociologia delle Religioni all'Università di Roma «La Sapienza».


Pubblicazioni dello stesso autore

Copertina di Tieni aperto

Tieni aperto

da Tieni aperto Non annunciano non si affannano i quattro cinque storni che passano nel cielo e vanno ma quanta sollecitudine e che ordine non sai dove volano non sai altro.   In copertina un dise...
Copertina di Da una vena unica

Da una vena unica

Dicono di strappi e di ferite i nuovi versi di Colafato, portando tuttavia in sé poteri lenitivi; se evocano piaghe di prigionia, annunciano, sia pure amare, raggiunte liberazioni: «sulle serrature ...
Copertina di Mutuazioni e sconnivenze

Mutuazioni e sconnivenze

Amletico e falotico: si potrebbe provare a definire così l’umore e il tono dei versi di Michele Colafato; senza impedirsi di notare che i due aggettivi uniti formano l’anagramma quasi perfetto de...

"Il labirinto " - Associazione di Promozione Sociale - Viale delle Milizie 3 - 00192 Roma - C.F. e P. Iva 15075651008 - Realizzazione Geniomela.it